post

Gran Ballo Subalpino 2017

Il Castello dei Conti di Biandrate presso San Giorgio Canavese sarà la splendida e romantica cornice del

Gran Ballo Subalpino

Domenica 8 Ottobre 2017 dalle ore 15 alle 19: UN ROMANTICO POMERIGGIO OTTOCENTESCO DI DANZA E SOCIETA’

spot

un pomeriggio all’insegna dell’arte e del ballo a tema: UN AMORE REALE….

Foto dei danzatori - edizione 2016

Foto dei danzatori – edizione 2016

Il salone d’onore, la galleria, la sala dei trofei, il salone dei grifoni per rivivere un pomeriggio romantico con danze e cotillon! Durante il pomeriggio avremo occasione di visitare il giardino all’italiana del parco e le bellissime sale del Castello dei Conti di Biandrate.

Programma delle danze: Valzer Spagnolo, Marcia del Principe Lilliput, Quadriglia Le Varietée Parisienne (1,3,5), Cotillon Subalpino, Rinfresco, Valzer Vita d’Artista *,  Quadriglia La Figlia di Madame Angot, Contraddanza I Vespri Siciliani, Cotillon d’Amore Reale, Rinfresco, Valzer Louis XV *, Quadriglia San Pietroburgo (1,4,5), Contraddanza The Happy meeting (scottish), Galop e saluti finali con Valzer dei Fiori (i valzer con * saranno ripetuti due volte)

i Valzer saranno ripetuti per poter invitare alla danza tutte le Dame.

Il pomeriggio di danza sarà intervallato da una merenda subalpina dai sapori ottocenteschi nella bellissima sala dei Grifoni….

Guarda la nostra storia della edizione 2016 con il fotolibro:

NOTE STORICHE SUL CASTELLO: Le origini del Castello dei Biandrate risalgono probabilmente al X secolo, quando il “castrum” di San Giorgio Canavese era un centro importante e controllava un vasto territorio. Fin verso gli inizi del XIX secolo il complesso del castello era formato da due edifici: il Castelvecchio risalente al XII secolo e un secondo corpo costruito tra il XIII e il XIV secolo. Il primo è stato quasi completamente distrutto nell’Ottocento e sostituito da un giardino all’inglese, mentre il secondo ha assunto la configurazione attuale nel XVIII secolo. Il Castello di San Giorgio è, al pari di Pavone, un castello sfarzoso, interamente ristrutturato nel Settecento in occasione di un evento mondano, il matrimonio fra il marchese Ferdinando di San Giorgio e la marchesa Vilcardel de Fleury. Risale a quell’epoca infatti, il grandioso atrio d’ingresso sul piazzale e lo scalone d’onore del primo piano; le torri medievali vengono eliminate a vantaggio di un corpo centrale con tre avancorpi che si proiettano sul piazzale. L’edificio assume così l’aspetto di un maestoso palazzo e le sale del pianterreno si animano con decorazioni policrome.

INFO E PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: Massimo ed Eva +39 3287315288 e torino@societadidanza.it


NB: EVENTO RISERVATO AI SOCI DELLA SOCIETA’ DI DANZA E OSPITI REGISTRATI: NON APERTO AL PUBBLICO


luvrezia e ristori

GOSSIP SUL CASTELLO in TV: Dal 2002 al 2003, il castello ha ospitato parte delle riprese della fiction Mediaset Elisa di Rivombrosa. Nella narrazione il castello è conosciuto come il palazzo in cui risiede la marchesa Lucrezia Van Necker. Gli interni del castello presentano diverse stanze arredate in stile settecentesco, nel film figura anche una sala con porta finestra sul parco, in cui si evidenzia una fontana d’acqua interna, vicino a un piccolo ripostiglio in cui la marchesa Van Necker nasconde delle boccette di veleno….

post

Danze in alta quota!!

La Società di Danza Torinese, in collaborazione con il Parco Nazionale del Gran Paradiso e Turismo Torino presenta:

Dopo 150 anni le Danze Ottocentesche tornano a Ceresole Reale!

Il 5 Gennaio 2017 rivivono gli anni di Margherita di Savoia, quando nelle sale del Grand Hotel risuonavano le note delle musiche dell’epoca, dei passi di danza e del fruscio degli ampi abiti in taffetà sui pavimenti in legno.
Un pomeriggio in cui vivere valzer, quadriglie e contraddanze sulle note di Verdi e di Strauss in compagnia della Società di Danza Torinese per vivere in prima persona le danze di Società.

img_2524

Il viaggio nel tempo prosegue con la pièce teatrale – curata da “I Compagni di Viaggio” con poesie di Carducci, che soggiornò proprio a Ceresole Reale, e testi del drammaturgo Giuseppe Giacosa per un testo surreale e divertente, ricco di colpi di scena.
La serata si chiuderà con una ricca merenda ottocentesca preparata dagli operatori della rete del Marchio di Qualità Gran Paradiso.

Per info e prenotazioni visitare i siti www.pngp.ite www.turismotorino.org

img_2751 img_2752